Area Riservata

Cittadella del Capo

Agenzia SIR

Santa Sede

 

 

 

 

 

 

 

 


Designed by:
SiteGround web hosting EffeCiWeb

Messaggio
  • Cookies Policy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

    Cookies Policy

Cittadella del Capo


Cittadella del Capo, a torto ritenuta meno antica di Bonifati, in realtà è sempre esistita come propaggine meridionale di Fella(oggi Iardino). E’ sopravvissuto intatto, infatti, il toponimo Greco per il rione omonimo, posto a picco(109 mt. s.l.m.)fra il mare ed il fiume S.Pietro, attorno al quale sono stati effettuati gli scavi archeologici più significativi riprova della presenza originaria(già in epoca arcaica)di una popolazione di pastori seminomadi brezio-greci.
Il nucleo originario dell’abitato era quello costruito attorno alla via che partiva dalle campagne di Fella, passando per il Greco(in realtà una marineria dove risiedeva una comunità di pescatori-contandini) e che conduceva infine alla marina,sulla cui scogliera era ubicata un’altra fortezza intorno alla possente Torre Viceregnale detta, non a caso, di Fella. Soltanto nella seconda metà dell’Ottocento l’abitato si espande con la costruzione di palazzine alla marina e sulla via Nazionale e dei 3 Palazzi De Aloe. Ad inizio secolo, attorno alla neonata stazione ferroviaria, si cominciava a costruire anche a nord, dando lentamente vita al rione omonimo. La Marineria del Greco è l’autentico centro storico del paese, dove hanno vissuto fino agli anni ’60 le famiglie dei pescatori. Vi si trovano il piccolo museo contadino e la Chiesetta Madonna della Greca. L’antico sentiero Gradini S.Vincenzo era un tratto della vecchia mulattiera e sentiero pedonale che da Torrevecchia-Cirimarco portava a mare, miracolosamente intatto nella sua struttura di gradoni formati da pietre di mare sistemate sullo scoglio. Il Palazzo del Capo è il monumento simbolo di Cittadella, raro esempio di buon restauro a fini produttivi-occupazionali; centro congressi gestito dalle attuali famiglie proprietarie i Goffredi e i Santoro, entrambe discendenti da Mario De Aloe;forestiere e residenza di Don Mario,sono diventate un esclusivo albergo e i locali della masseria di grano, dell’oleificio e dello stabilimento enologico sono state trasformate in sale congressi e ricevimenti. Il Palazzo del Capo, ha assunto la forma attuale a fine ‘800, ma dal primo medioevo sulla scogliera di Cittadella esisteva una struttura difensiva che nel 1500 si caratterizzò con la Torre vice-regnale della Fella,in quanto le sue campane avvisavano dal pericolo turchesco gli abitanti del non lontano omonimo borgo. La Torre, ben restaurata dopo un rovinoso crollo, è visitabile e godibile.
La fontana davanti al Palazzo, è l’unica opera rimasta a testimoniare l’antica arteria romana via Aquilia o Trayanea,collegava Salerno a Reggio Calabria; fu costruita nel 99 a.C. dal Proconsole Romano Marco Acquilio e attualmente, dopo i lavori di sistemazione esterni al Palazzo, la si può ammirare in tutta la sua antica bellezza. All’interno del Palazzo si trova la Cappella gentilizia dei De Aloe, opportunamente restaurata. Fin dal 1600, all’esterno, si celebravano le feste e le fieri di S.Giovanni(24 giugno) e S.Gaetano( 7 agosto). Il Palazzo Colletti (1877) e Fontana del Palazzo(1746) fu costruito su di un precedente casino di campagna dei De Aloe e negli anni ’20 passò ai Colletti, di cui Achille sposò una De Aloe. Le altissime palme e il biancore degli intonaci fanno respirare al visitatore un’inconfondibile atmosfera neocoloniale. Poco più a monte la Fontana, edificata nel 1746, è tutt’ora efficiente, e serve ancora la più grande cibbia(è la parola di derivazione araba = vasca d’irrigazione rurale), del bonifatese; sul frontale della Fontana è riprodotta una scena di caccia, la grande passione dei De Aloe. Il Palazzo Francesco De Aloe(1878), anche questa opera dell’architetto napoletano Giordano, è tutt’ora abitata dai discendenti Rosa e Francesco;costruita su un edificio minore,fronteggia il Palazzo del Capo,sulla scogliera di Zaccarella dal fronte opposto dell’insenatura. Sede di numerose manifestazioni di musica colta sin dalla sua costruzione fino ai giorni nostri, conserva intatto il salone centrale da cui si godeva la vista sulla scogliera,e retrostante, quella verso la Torre del Capo.
La Marina dispone di uno dei Lungomari più ampi e riposanti del Tirreno, con ampi campi da tennis, piste da ballo e la spiaggia fra le due scogliere del Signore e di Zaccarella, oltre ad impianti sportivi. La Chiesa di S.Michele Arcangelo fu costruita nel 1924, lungo la strada Nazionale, grazie all’impegno di alcuni benefattori.
Nel medesimo anno, prima che fosse consacrata, vi fu portata, in un magazzino di pescatori, la statua di S.Francesco di Paola, che rappresentava l’attraversamento dello stretto di Messina. La festa in onore del Santo veniva celebrata la I° domenica di settembre e la IV° domenica di agosto, oggi viene festeggiata la III° domenica di agosto. La Chiesa della SS. Annunziata costruita tra il 1970 e il 1973,anno in cui fu consacrata il 25 marzo.

 

Fatima in diretta web

Il Santo del Giorno

 

Calendario

settembre 2018
domlunmarmergiovensab
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30